ANSIA, TRASFORMARLA IN QUALCOSA DI UTILE!

/ / ALLENATORI, PROGETTO DANZA, SPORT COACHING
cartello stradale pensa positivo

LA TENSIONE, L’ANSIA È CHI PENSI DI DOVER ESSERE. IL RILASSAMENTO È CHI SEI. (proverbio cinese)

Qualsiasi atleta prova ansia sia prima che durante la prova.

L’ansia è la prova che tu ci tieni alla tua performance e al risultato.

Un atleta deve imparare ad accettare l’ansia da prestazione come un fatto perfettamente normale e permetterle di incidere, nella giusta misura, sulla propria concentrazione.

D’altronde, se una cosa non ti interessa e  sei costretto a subirla non la prendi nemmeno in considerazione.

Di contro un’ansia eccessiva ti mette a disagio e interferisce con la prestazione, ma un suo livello moderato  è necessario per raggiungere una prestazione ottimale.

Nello sport il panico è la forma estrema dell’ansia da prestazione.

Una risposta di panico è quindi una reazione mente-corpo esagerata, una sorta di falso allarme, che può essere disinnescata e ridiretta.

Le risposte al panico sono sempre controproducenti, come, ad esempio, fuggire, isolarsi, cercare a tutti i costi di rilassarsi completamente, combattere sé stessi mentalmente.

Se hai dei livelli elevati di ansia da prestazione significa che hai interiorizzato una sequenza di risposte che, una volta innescata l’ansia, è difficile da fermare e può sfociare nel panico.

Quindi la tua priorità è di bloccare l’ansia sul nascere.

Quello che temi veramente è l’imbarazzo per un possibile fallimento della tua prestazione.

Andare in panico è la manifestazione esagerata della paura per un risultato sbagliato.

Ci sono vari modi per controllare l’ansia, disinnescare la reazione di panico, e canalizzarla verso un qualcosa di utile.

Per esempio una corretta respirazione che lavora in tandem con l’essere nel momento presente, ci permette di vivere pienamente il presente.

Quando si è nervosi o arrabbiati, la respirazione diventa superficiale, addirittura affannosa e questo comporta una diminuzione dell’ossigeno introdotto e un aumento della tensione muscolare, non ci permette di ragionare con calma e, in caso che tu sia un’atleta di una coppia o di una squadra, altera anche il tuo modo di comunicare con il gruppo o il compagno/a.

Già con il solo prolungamento dell’espirazione si promuove un processo di rilassamento, e una respirazione controllata aiuta ad espellere lo stress e le tensioni muscolari riportandoti nel presente.

La respirazione è il primo strumento, ed è gratuito e fruibile istantaneamente, che abbiamo per combattere l’ansia negativa e portare il nostro stato d’ansia da non utile a utile per la performance che andremo ad eseguire.

Servono pochi e semplici esercizi di respirazione per ottenere il risultato.

Nel prossimo articolo ve ne illustrerò qualcuno di utile e fruibile sempre.

continua …….

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui social.

di Bruno Sbicego e Antonella Brugnoli   #essebicoaching  #sportmentalcoaching  #mentalcoachsportivo  #ProgettoDanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.